PHYSICS SAYS

16 Dic

Honourable_Bertrand_RussellPropongo la traduzione di un appunto di Frank Ramsey dal libro della prof.ssa Maria Carla Galavotti Notes on Philosophy, Probability and Mathematics ed. Bibliopolis. Al termine riporto il testo in lingua originale.

Si tratta del rilievo di un problema di natura logica riscontrato in una parte del libro di Bertrand Russell  “The Analysis of Matter” in merito al rapporto al mondo fisico.

I FISICI DICONO

I fisici dicono = è vero se

( ∃ α , β , …. R , S ) : F ( α , β , …. R , S. .. )                (1)

Russell p.8 1 .

1 I riferimenti sono a B. Russell, L’analisi della Materia , London: Allen and Unwin, 1927, 2a ed. New York: Dover Publ., 1954.

Ma i membri di α , β ecc. non devono essere numeri.

Russell dice “definiti in termini di particolari”, ma sono numeri.

Diciamo piuttosto α = Schermata 2013-08-22 alle 18.42.59   ( φ x )

R = Schermata 2013-08-22 alle 18.42.59      ŷ ( φ x , y)

dove i φ sono non formali.

Ulteriori F non devono essere tautologici come è secondo il punto di vista di Eddington (?)

Dubito che questo sia sufficiente (?) La causa del mio modo di vedere deve essere temporalmente collegata con il mio modo di vedere.

Di che tipo è l’argomento per la (1).

“Dobbiamo trovare un’interpretazione della fisica che dà il dovuto luogo alle percezioni; se no, non avremmo il diritto di appellarci alla evidenza empirica”, Russell p. 7.

Lui in realtà non pensa che possiamo trovare una tale interpretazione, perché l’unica R che conosciamo secondo il suo punto di vista sono compresenza e l’intervallo di tempo che non sono sufficienti.

Forse dire “interpretazione parziale” forse anche alcune restrizioni relative all’interpretazione delle altre variabili. Cioè tutto quello che sappiamo di β , S non è ciò che soddisfa la (1) .

Ogni prova ci deve dare non esattamente un’interpretazione, ma un dizionario; ma deve essere Fisico ⊃ percepisco p

Io percepisco p

∴ Fisica .

In completa contraddizione con Russell pagg. 90 e segg.

E questo è il testo originale:

PHYSICS SAYS

Physics says = is true if

(∃ α, β, …. R, S) : F(α, β, …. R, S…) (1)

Russell p.8 1.

1 The references are to B. Russell, The Analysis of Matter, London: Allen and Unwin, 1927, 2nd ed. New York: Dover Publ., 1954.

But the members of α, β etc. must not be numbers.

Russell says “defined in terms of particulars”, but numbers are.

Say rather α =Schermata 2013-08-22 alle 18.42.59      (φ x)

R = Schermata 2013-08-22 alle 18.42.59      ŷ (φ x,y)

where the φ’s are nonformal.

Further F must not be tautological as it is on Eddington’s view (?)

I doubt if this is enough (?) the cause of my seeing must be temporally connected with my seeing.

Of what sort is the argument for (1).

“We must find an interpretation of physics which gives a due place to perceptions; if not, we have no right to appeal to the empirical evidence”, Russell p. 7.

He does not really think we can find such an interpretation because the only R’s with which we are acquainted in his view are compresence and time interval which are not enough.

Say perhaps “partial interpretation” also perhaps some restrictions on the interpretation of the other variables. i.e. all we know about β, S is not that they satisfy (1).

Any evidence must give us not an interpretation exactly but a dictionary; it must be Physics ⊃ I perceive p

I perceive p

∴Physics.

In exact contradiction to Russell ps. 90 ff.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: