We must beware of scholasticism – Dobbiamo guardarci dallo scolasticismo

19 Mag

CondominioRiporto la traduzione di un appunto di Frank Ramsey in aperto contrasto con le idee di Ludwig Wittgenstein in merito alla rappresentazione del mondo esterno. L’appunto si trova sul libro Notes on Philosophy, Probability and Mathematics edited dalla prof. Maria Carla Galavotti. ed. Bibliopolis.

In questo brano viene criticata con molta forza la posizione di Wittgenstein in merito all’interpretazione del concetto di significato e le implicazioni sulle indagini relative al mondo esterno (o primario).

Questa è la traduzione (ogni contributo al miglioramento è benvenuto):

Dobbiamo guardarci dallo scolasticismo

Dobbiamo guardarci dallo scolasticismo.
Ludwig è uno scolastico.
Cosa si intende per scolasticismo appare dal seguente ragionamento sul tempo.
Comprendiamo che “A è prima di B”; quindi abbiamo conoscenza del prima ∴ dobbiamo in alcuni casi percepire che A esiste prima di B ∴ dobbiamo percepire il passato.
Tutto ciò non mi convince. Basti pensare se un essere potrebbe non essere in grado  di parlare come noi facciamo se non percepisse il passato.
In realtà tutto ciò che accade è che abbiamo sensazioni acolutiche (Probabilmente si riferisce agli studi Routledge pubblicati nel 1920 riguardanti la memoria delle sensazioni fisiche quando cessa il contatto dei sensi con l’oggetto della sensazione), ma sbiadite ≠ sparite (come visioni di fantasmi) e anche queste non sono necessarie. Il passato è memorizzato nel cervello: AB ci colpisce in modo diverso da BA; ma è così che fa il telefono automatico.
La logica matematica è scolastica; con quanta difficoltà un bambino impara l’idea del tempo. Molto più ne è necessario che “la conoscenza del prima”, né questo aiuterebbe.
La logica è la regola di un linguaggio quando viene realizzato; il pensiero costruttivo è il fare una lingua.
Il mondo primario di Ludwig non contiene nessun pensiero.

Nota: Evidenzia una contraddizione nel pensiero di L. Wittgenstein: il mondo primario (se inteso come mondo esterno ad un individuo) deve contenere i pensieri delle altre persone altrimenti non saremmo in grado di comprendere quale è l’immagine del mondo degli altri e saremmo impossibilitati a dare un’immagine a gran parte del mondo esterno in quanto dovremmo fare lo sforzo di crearci da noi tutte le immagini del mondo primario. In generale mutuiamo l’immagine degli oggetti esterni non solo dall’esperienza personale, ma spesso e molto di più di frequente, da quella degli altri.

Questo è il testo originale:

WE MUST BEWARE OF SCHOLASTICISM

We must beware of scholasticism.
Ludwig is a scholastic.
What is meant by scholasticism appears from the following argument about time.
We understand “A is before B”; therefore we are acquainted with before ∴ we must in some instances perceive A being before B ∴ we must perceive the past.
All of which is unsound. Just think whether a being could not be made to speak just as we do without perceiving the past.
In fact all that happens is that we have acoluthic sensations, but faded ≠ past and even these are not necessary. The past is stored up in the brain AB affects us differently from BA; but so it does the automatic telephone.
Mathematical logic is scholastic; with what difficulty a child learns the idea of time. Much more is needed than “acquaintance with before”, nor would this help.
Logic is the rule of a language when made; constructive thought is making a language.
Ludwig’s primary world contains no thought.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: