Bilancio dell’ultima settimana della BCE

29 Dic

La situazione finanziaria della BCE è abbastanza critica per una banca. Tutti gli indicatori di liquidità sono molto scadenti. In particolare la situazione è risultata particolarmente compromessa per effetto dell’ultimo prestito alle banche dell’UE per quasi 500 miliardi di euro. Pertanto la liquidità secca è piombata a meno di 0,5 e quella totale a circa 1,4. Se per un’impresa non creditizia questi numeri potrebbero essere accettabili, pur rivelando uno stato di forte tensione, per una banca, ed in particolare una banca centrale, sono assolutamente fuori dei limiti considerati di normale operatività. Infatti la liquidità secca non dovrebbe mai scendere sotto 1,5 e quella totale dovrebbe situarsi intorno a 3,0.

Questi dati, pubblicati recentemente dalla BCE sono stati raccolti dalla stampa, anche specializzata, solo per dare informazioni devianti sui depositi delle banche in BCE e sul livello delle operazioni overnight. Infatti mentre si parla di scambi di favore tra BCE e sistema creditizio si trascura il fatto che ormai la BCE sta grattando il fondo delle proprie risorse per mantenere in vita le banche che ormai tutto possono fare tranne che il credito alle imprese ed alle famiglie.

 Per altro l’operazione di credito al sistema bancario, che era stato propagandato dalla BCE come mezzo per sostenere le imprese, si è rivelato un altro strumento di speculazione finanziaria. Infatti le banche utilizzano questo credito o per deposito in BCE o per speculare sui valori in crescita dei rendimenti dei titoli di stato. Così la BCE può ottemperare alla (giusta) richiesta della Germania di  non fare quantitative easing lasciando, però, che questo venga fatto dalle banche con i prestiti BCE: l’effetto non è proprio lo stesso. Si ottiene che gli stati indebitati debbano aumentare la pressione fiscale per pagare alle banche il differenziale lucrato sui titoli di stato. D’altra parte questa è una misura difensiva perché la BCE non è in grado con le proprie risorse di far fronte al sostegno dei debiti sovrani per i quali dovrebbe applicare l’interesse di 100 pb. Così intervengono le banche con l’enorme massa monetaria messa a disposizione dalla BCE applicando, ad esempio, il tasso del 7% in Italia. E’ quindi un’ipocrisia dire che le manovre in Italia , Grecia, ecc., ecc. abbiano la funzione di ripristinare la competitività del sistema europeo. Le manovre servono per fornire le masse monetarie mancati al sistema del credito per sopravvivere, comunque non per ricominciare a funzionare regolarmente come datori di credito alle imprese ed alle famiglie.

 In questo quadro si inserisce l’operazione sui governi italiano e greco con il comissariamento da parte della BCE e l’utilizzo di un’operazione sperimentale di svalutazione fiscale che non è altro che un prelievo forzoso per mantenere in piedi un’Europa basata sugli indifendibili accordi di Maastricht.

Finalmente la BCE si è decisa a dirci che il motivo della manovra è il livello di cambio tra lira ed euro che è stato concordato da Prodi con Francia e Germania per ottenere, malgrado il livello di debito non ammesso dai regolamenti, l’ammissione dell’Italia nell’euro.

Siccome la sopravvalutazione è di circa il 25% si può prevedere la necessità di incremento della pressione fiscale dal 15% al (massimo) 25%.

ImmagineC’è da dire che questo cambio lira/euro è stato il motivo della stagnazione dell’economia italiana e che questa ulteriore operazione non può portare che ad una nuova crisi in barba alle dichiarazioni del governo che ora vuole fare una manovra per la crescita. Se non ci sono mezzi economici per fare sviluppo è insensato dire che si possa creare la crescita attraverso la liberalizzazioni di taxi e farmacie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: